Vive la France!

Articolo di Marta Zanetta

Una giornata calda, afosa una delle tante di metà luglio in quel di Torino, stanchezza e tristezza per delle vacanze che non sembrano arrivare mai e poi…un incontro ti stravolge la giornata.

Vado a trovare Elsa Le Gol e Lauren Moreau nel loro nuovo negozio di prodotti tipici francesi che ha aperto nel novembre scorso che potete trovare in via Berthollett 11.

In realtà io ero già stata in questo posto, ma non avevo badato molto al nome del locale o alla fantastica insegna disegnata da Stefano Sassi: Si Vu Plè si chiama, e scopro che la sera in cui ero stata in quel locale era proprio la sua inaugurazione, io c’ero finita per caso nel mio vagare senza meta la sera dedicata a Paratissima. Ricordo tanta bella gente, tanto vino, formaggio buonissimo e un tipo strambo vestito da clown che intratteneva il pubblico suonando il marranzano ( quello strumento tipico della tradizione siciliana conosciuto anche come scacciapensieri).

Sono passati un po’ di mesi e riconosco lo stesso locale in cui avevo preso appuntamento qualche giorno prima per un’intervista alle titolari.

Elsa e Lauren sono due giovani ragazze francesi che hanno fatto di una passione un mestiere. Elsa architetto di formazione, arriva in Italia per amore, mentre Lauren con una laurea in Lingue straniere ad indirizzo marketing economico e commerciale (questo me lo sono dovuto appuntare attentamente sul taccuino perché Lauren mi ha spiegato che in Italia non esiste un corso corrispondente), giunge in Italia per un master in Commercio Estero e Management Internazionale.

Le nostre mademoiselles si conoscono tramite amica in comune, circa un anno fa,  scoprono di avere una passione e un sogno che diventa realtà lo scorso novembre.

Mi accoglie Lauren con un grosso sorriso tra mille scatoloni perché in piena fase preparativi per la festa di questo sabato (14 luglio) e mi racconta un po’ la storia di come nasce la bottega.

Si Vu Plè apre i battenti lì dove circa otto anni fa esisteva il Panificio Colla, molto conosciuto dal quartiere. Quando hanno iniziato a fare i lavori di ristrutturazione del locale e sottolineo che lì hanno svolti loro due in perfetta autonomia, molti abitanti del quartiere si sono fermati per dare una mano. Un episodio particolare che ha caratterizzato quei giorni: l’arrivo del frigo per la conservazione del fresco arrivò in una cassa troppo grande per passare dalla porta d’ingresso cosicché vedendole in difficoltà alcuni ragazzi passanti si sono fermati le hanno aiutate a liberarsi dell’ingombrante “sarcofago” e finalmente il frigo passò dalla fatidica porta d’ingresso.

Posso dire con tutta sincerità che riporto questo episodio di risposta a tutte le volte che ho sentito dire che Torino è una città fredda, dove ognuno bada ai fatti propri, che c’è poca solidarietà e poca voglia d’integrazione…qui parliamo di due giovani ragazze francesi che decidono un bel giorno di provarci, di spendere tutte le loro energie e i loro averi in un sogno e che per farlo trovano anche l’aiuto della gente del quartiere, di estranei fondamentalmente, ma che forse hanno visto in queste ragazze una ventata d’aria nuova per la via e per l’intero quartiere.

Bravo San Salvario!!!

Ovviamente la scelta del quartiere mi spiegano non è stata casuale, sapevano che il quartiere aveva delle caratteristiche peculiari quali: multi etnicità, fermento culturale e apertura a nuove proposte commerciali e direi che confermano a pieno la loro scelta.

Dentro la nuova bottega si possono trovare prodotti per tutti i gusti e i momenti della giornata: iniziamo la colazione con i buonissimi croissant del panificio L’atelier des Tartes  di Cuneo, i biscotti e gli yogurt Michel&Augustin, per pranzo e cena ovviamente tutta la varietà di formaggi, creme fraide e i dessert Beillevaire accompagnati ovviamente da un buon bicchiere di vino Renè l’agoutè. Per gli amanti del pesce c’è Belle-iloise.

Marchi ricercati e sofisticati per palati raffinati o semplicemente curiosi di provare sapori nuovi e particolari tutti squisitamente di madre lingua francese.

Al di là dei sapori e della bellissima atmosfera accogliente e calda che si respira in questa nuova realtà sansalvariana (ho cognato un termine per l’occasione!) quello che mi ha colpito e quello che mi colpisce generalmente da quando mi capita di fare questi incontri è l’insegnamento che ne traggo…la forza di volontà di queste ragazze che da sole hanno deciso di aprire un negozio in una città nuova, in un quartiere nuovo, lontano da casa credo sia davvero ammirevole. I miei più sinceri complimenti a Elsa e Lauren che se vi va di conoscere vi aspettano sabato 14 luglio alla Festa Nazionale Francese in Via Bertholett 11 dove avrete occasione di assaggiare la tipica colazione francese, giocare a bocce e gustare favolose crepe bretonnes, diabolos pastis ecc.

2 commenti su “Vive la France!

  1. sandra.perdomi@gmail.com'Sandra

    Galette sarrasine
    Un sabato da ricordare…
    Bravissime Elsa e Lauren! Splendida la vostra iniziativa di festeggiare il 14 luglio coinvolgendo il quartiere di S. Salvario con iniziative tipicamente francesi come il gioco della “petanque” o bocce di strada.
    E’ stato per caso che passando per via Berthollet ieri mattina, vedevo due giovani donne stendere un tappeto lungo la strada. Incuriosita ho chiesto cos’era ed Elsa mi spiegava gentilmente nei dettagli l’iniziativa. Così nel pomeriggio sono andata, mi sono iscritta anch’io alla gara di petanque (anche se non sapevo affatto giocare) ed ho trascorso un pomeriggio davvero fantastico! Bella l’atmosfera di festa, l’allegria che si trasmetteva ai passanti che si fermavano a guardare, l’eccitazione dei bambini che si rincorrevano in totale libertà….
    Dopo essere stata (prevedibilmete) eliminata, mi sono consolata con una galette sarrasine ed un bicchiere di cidre, mi sono regalata un ritratto a matita (come fossi a Montmartre ) e sono rimasta fino alle 21 perché dovevo a quel punto vedere i vincitori. Ha vinto una ragazza Morena (mi perdonerà il suo compagno ma non ne ricordo il nome) ed il premio era: una bottiglia di Pastis!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *