“Whole Earth Catalog”. Uno strumento a portata di tutti.

 

Articolo di Lorena Gresl

 

 

Whole Earth Catalog, fino a qualche tempo fa stampato e distribuito in migliaia di copie negli Stati Uniti, è oggi sfogliabile online. Il titolo, tradotto in italiano, suona come “Il catalogo dell’intera Terra”: potrebbe sembrare presuntuoso, ma è una pubblicazione che ha anticipato, per diverse ragioni, Google Earth, Wikipedia, e altri grandi contenitori di informazione oggi in rete…

Il catalogo di Steward Brand, poco costoso e facilmente reperibile, viene pubblicato per la prima volta  nel 1968 e periodicamente aggiornato ogni tre mesi fino al 1972.

La sua funzione era quella di essere un “tool” utile ad ogni individuo che desiderasse formare la propria conoscenza, educarsi ed informarsi, rimanere aggiornato sui temi del vivere e agire sostenibile  attraverso una raccolta di informazioni, notizie e consigli resi accessibili a tutti.

Anche la scelta dell’immagine di copertina del catalogo (la Terra vista dallo Spazio) era un forte messaggio al pubblico che, secondo Brand, doveva acquisire una maggiore consapevolezza sul proprio pianeta, la “casa” in cui viveva.  Può sembrarci strano, ma la fotografia in copertina è una delle prime divulgate e rivelate al grande pubblico, finora rimasto all’oscuro di ciò che si vedeva dalle profondità spaziali.

Il catalogo affrontava una grande quantità di argomenti diversi, tutti legati dal filo rosso della sostenibilità, divisi in 7 diverse sezioni:

– Comprendere l’intero Sistema

– Rifugio (riparo) e uso del terreno

– Comunicazione

– Comunità

– Nomadismo

– Apprendimento

All’interno di questi capitoli si trovavano tantissime fotografie, immagini e una grande varietà di informazioni: sia teoriche, studiate dagli scienziati, ricercatori o insegnate nelle università, sia pratiche, che le persone possono mettere in atto in diverse occasioni di vita quotidiana.

Il catalogo tratta tutti gli argomenti in modo molto pragmatico, e soltanto sfogliandolo ci si rende conto di quanto fosse vasta ed eterogenea la scelta degli argomenti: come coltivare i funghi nel proprio giardino? Quale libro leggere e dove reperirlo? Quali erano le ultime teorie e scoperte scientifiche sull’uso dell’energia solare? Cos’è la cibernetica? …  Queste e  molte altre curiosità in circa 60 pagine per un costo di soli 4 o 5 dollari ma, a mio avviso, dal valore molto più grande.

Il catalogo è un’interessante finestra sul passato, quando fare una ricerca su Google non era pensabile, ma la voglia di sapere, e di condividere il sapere, era forte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *