Ri-animarte: la poesia del riciclo

Articolo di Camilla Munno

ri-animarteRiciclare, recuperare, riutilizzare: sono le parole d’ordine per dare una seconda vita e un nuovo valore a oggetti che diversamente sarebbero stati buttati o dimenticati. Oggi vi vogliamo presentare un’attività sostenibile di Roma che se ne occupa nel quotidiano: Ri-animarte, un luogo dove si coniugano arte e riuso creativo di materiali di scarto, dando nuova vita agli oggetti, in modo artistico ed eticamente giusto.

Ri-animarte è un’associazione culturale nata con lo scopo di promuovere la creatività artistica, nelle sue varie manifestazioni e forme, con un occhio di riguardo per i temi della sostenibilità e del riciclo, dando all’oggetto riutilizzato un’anima e una forza artistica che lo rendono unico.

“La nostra filosofia – spiega Sabrina Ventrella, eco-artista dell’associazione – è quella di diffondere la consapevolezza che la creatività sia un mezzo per migliorare la società e gli uomini. E se applicata all’arte del riciclo, permette di aprire la visione alla realtà circostante, consentendo di cogliere aspetti inconsueti, che sviluppano nel contempo una capacità d’osservazione creativa”

Sabrina Ventrella, romana, dopo la maturità artistica prosegue il suo percorso dedicandosi all’apprendimento di diverse tecniche artistiche: pittura ad olio, restauro di dipinti, mosaico, scultura. Si dedica da tempo alla realizzazione di opere attraverso il riutilizzo di materiali, dando nuova vita agli oggetti usciti dal ciclo vitale in un’ottica eticamente corretta.

Gli aspetti creativi e le dinamiche dell’arte del riciclo sono confluite negli ultimi anni proprio nelle eco-creazioni di Sabrina: oggetti sonori, oggettistica di vario genere, sculture, sedie, pannelli, allestimenti ecologici e molto altro. Un mix di materiali che ha portato alla creazione di oggetti unici, dalla forte anima creativa, che racchiudono un messaggio su come l’arte possa essere uno strumento per riutilizzare e creare opere del tutto inedite.

Sabrina ci racconta come il valore etico ed  ecologico di questa operazione non stia solo nell’impiego di vecchi oggetti altrimenti gettati via, ma nel conferire loro un nuovo valore estetico, dato dalla composizione armonica di tutti gli elementi. In questo modo le eco-creazioni diventano espressioni di un modo diverso di vedere.

Le attività promosse da Ri-animarte spaziano dalla creazione di manufatti artistici, realizzati con materiali di scarto ed esposti in mostre di settore, all’organizzazione di laboratori didattici sull’arte del riciclo, rivolti sia a bambini che ad adulti, fino all’organizzazione di incontri d’arte, ovvero libere discussioni su specifici temi storico-artistici, corredati da attività collaterali.

L’associazione da tempo propone nuovi modelli formativi, alternativi e sostenibili, finalizzati all’incremento della creatività e al rafforzamento delle capacita di relazione col team di lavoro. L’arte è un veicolo che ha la capacità di favorire lo sviluppo della personalità e delle capacità individuali, caratteristiche fondamentali che possono essere espresse e valorizzate nelle realtà lavorative.

Gli strumenti attuati stanno riscuotendo largo  successo, soprattutto in occasione di convention aziendali, in quanto sono strategici in termini di produttività: permettono di sviluppare qualità e capacità inespresse, valori aggiunti in ambito aziendale. Le attività ludiche e creative veicolano una progettualità “laterale” e trasversale, fornendo nuovi punti di vista, spostando l’attenzione attraverso l’uso della metafora.

Facciamo rivivere gli oggetti, riutilizzando materiali e creatività in disuso!



Questo articolo è stato pubblicato in Architettura e Design, Ethical Living e taggato come il da
Una foto di Camilla Munno

Informazioni su Camilla Munno

Camilla, laureata in Pianificazione ambientale, territoriale ed urbanistica al Politecnico di Torino, eclettica ciclista metropolitana, amante del paesaggio, della fotografia, della filosofia, con una grande passione per la scrittura. Ha il desiderio di “rifondare” Torino, attraverso i temi della sostenibilità, della valorizzazione del territorio: per una città più pulita, intelligente ed innovativa. Cerca di diffondere uno stile di vita sostenibile, si occupa di architettura, sociale, ambiente e mobilità sostenibile.

| lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *