Green Jobs

IRENA_RE_Jobs_Annual_Review_2015Lo spostamento globale verso un’economia dell’energia pulita è in continua accelerazione, creando milioni di lavoratori “green” in tutto il mondo, e dimostrando ancora una volta che la decarbonizzazione e la crescita economica può andare di pari passo.

Più di 7,7 milioni di persone erano impiegate dalle aziende produttrici di energie rinnovabili in tutto il mondo alla fine del 2014, questo secondo un nuovo rapporto dell’Agenzia per le energie rinnovabili (IRENA). Questa cifra è in aumento del 18% dal 2013, rispecchiando l’aumento globale di nuovi impianti di energia rinnovabile.

Di questi 7,7 milioni, 2,5 milioni di posti di lavoro sono nel solare fotovoltaico, 1,5 milioni in grandi centrali idroelettriche, e 1 milione di posti di lavoro nel settore dell’energia eolica, il resto nelle altre forme di energia rinnovabile.

Attualmente stiamo osservando come ci sia uno spostamento della produzione di energia rinnovabile e l’installazione degli impianti da economie sviluppate come gli Stati Uniti e l’Europa verso mercati in forte espansione come Cina e India.

L’energia rinnovabile continua ad affermarsi come un importante “datore” di lavoro globale che genera forti vantaggi economici e sociali a livello mondiale. Questo aumento è stato guidato in parte dal calo dei costi delle tecnologie energetiche rinnovabili ed è ipotizzabile che questo trend di crescita continui.

Notevole come detto è l’ascesa dell’Asia per quanto riguarda l’energia rinnovabile. Non a caso, cinque dei primi dieci paesi, che sfruttano energie rinnovabili erano in Asia nel corso del 2014, in crescita dai tre che erano nel 2013.

Attualmente l’Unione europea e gli Stati Uniti hanno “solo” il 25% dei posti di lavoro, in calo dal 31% del 2012.

La Cina rimane regina indiscussa per le energie rinnovabili, con 3,4 milioni di lavoratori impiegati, di cui 1,6 milioni di posti di lavoro sono nel settore dell’energia solare fotovoltaica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *