La Ruche: il primo spazio collaborativo di Bordeaux

Sostenibile.com la rucheArticolo di Camilla Munno

Nella città di Bordeaux, divenuta sito UNESCO, ormai dinamica e ricca di attività sociali innovative, si sta sviluppando un nuovo quadro di innovazione sociale e territoriale.

All’interno del patto di coesione sociale e territoriale in attuazione nella città di Bordeaux, la municipalità lancia due nuove call per creare progetti aperti con le associazioni bordolesi.

Un appello di innovazione sociale e territoriale e un appello per nuovi progetti nella città, per dare luce ad una nuova dinamica di innovazione e partecipazione collettiva per rispondere agli obiettivi che la città si è posta: innovazione e sperimentazione; partecipazione; responsabilità ecologica; impatto economico.

Tra le realtà di innovazione sociale già esistenti vi è La Ruche, un laboratorio vivente, primo spazio collaborativo di cooperazione sociale dedicato alle imprese sociali, situato nel cuore di Bordeaux sulle sponde della Garonna, un progetto ben voluto dalla municipalità spiega Camille Panczer la responsabile del centro.

Fondata nel 2008 a Parigi, da sei piccole impresi di giovani e riportata a Bordeaux ormai patria di innumerevoli start up, un modo per combinare attività di diverso genere e condividere spazi ed ideali, un’idea semplice ma innovativa: raccogliere idee e condividere informazioni.

L’80% delle piccole start up nate in questo contesto sono riuscite ad ottenere grandi risultati e a realizzare le proprie attività. Una vetrina di imprese locali che facilita l’integrazione nell’ecosistema locale.

I progetti, lungimiranti e dinamici, sono molto diversi ma hanno tutti in comune il fatto di conseguire uno sviluppo economico e sociale.

Una delle start up creata da Olivier Lenoir già fondatore dell’Unis-Cité Aquitaine , associazione nazionale del servizio civile in Francia, ha deciso di lanciare a Bordeaux delle scuole di cittadinanza attiva. Un’idea nata da una realtà del Quebec in cui ha lavorato, all’Istituto Nouveau Monde, che consiste nel mobilitare tutti i giovani bordolesi a diffondere uno stile di vita migliore e condiviso.

A fine settembre si terrà un grande riunione in collaborazione con Nouveau Monde, dove saranno presenti figure economiche, sociali e politiche importanti, ed i giovani saranno chiamati a costruire progetti per cambiare e migliorare il mondo.

La Roche è un acceleratore sociale degno di nota, un’etichetta capace di cambiare il modo di lavorare, un luogo dotato di 30 postazioni, sempre occupate, per far circolare il lavoro e scambiarsi realtà contemporanee e giovani in cerca di diffusione.

Un progetto condiviso per raccogliere con l’obiettivo comune di offrire i propri punti viste e le proprie idee per apportare un cambiamento concreto al nostro pianeta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *