Tradizione, natura e sostenibilità

 

Articolo e foto di Camilla Munno

 

 

Le cattedrali del consumismo e del lusso lasciano il tempo che trovano, ma il paesaggio, la natura e l’ambiente che ci circonda rimangono per sempre, sono il nostro patrimonio da tutelare, conservare e vivere consapevolmente.

Oggi molti viaggiatori sentono l’esigenza di ristabilire un rapporto con la natura, per ritrovare se stessi ed avere un rapporto diretto con ambiente, cibo, sensazioni, cultura e tradizioni. Un turismo responsabile ed ecologico, il cui leif motiv è vivere la natura nella sua complessità e bellezza, nel suo totale rispetto, recuperando i valori e le tradizioni perse, scoprendo luoghi nascosti e convivendo con essi.

Dagli agriturismi bio, agli interail in bicicletta, agli hotel di bioarchitettura, il turismo sostenibile cerca di applicare alcuni principi fondamentali per rispettare l’ambiente, risorsa da valorizzare anche in vacanza , rispettando i suoi cicli vitali e il suo stato, apprezzando gusti, sapori, odori e la serenità che solo il dialogo con la natura può recare.

La Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) è il documento che tutela il turismo sostenibile in Europa, rientra nelle priorità mondiali ed europee espresse dell’Agenda 21, adottate durante il Summit della Terra a Rio nel 1992 e dal 5° programma comunitario di azioni per lo sviluppo sostenibile.
La CETS è stata elaborata dalla Federazione EUROPARC, un’organizzazione pan-europea politicamente indipendente costituita da Enti di gestione e specialisti di più di 400 aree protette nazionali di oltre 35 paesi, e rappresenta il riferimento obbligatorio della politica turistica delle aree protette dell’Unione Europea. E’ il risultato di una prima riflessione, avviata nel 1991 dalla Federazione Europarc che ha portato alla pubblicazione del rapporto “Loving them to death”.

La Carta Europea del Turismo Sostenibile afferma:

Lo sviluppo del turismo deve essere basato sul criterio della sostenibilità, ciò significa che deve essere ecologicamente sostenibile nel lungo periodo, economicamente conveniente, eticamente e socialmente equo nei riguardi delle comunitàlocali.

Lo sviluppo sostenibile è un processo guidato che prevede una gestione globale delle risorse per assicurarne la redditività, consentendo la salvaguardia del nostro capitale naturale e culturale. Il turismo, come potente strumento di sviluppo, può e dovrebbe partecipare attivamente alla strategia di sviluppo sostenibile.

La caratteristica di una corretta gestione del turismo è che sia garantita la sostenibilità delle risorse dalle quali esso dipende.

La sostenibilità del turismo richiede per definizione che esso integri l’ambiente naturale, culturale e umano; che rispetti il fragile equilibrio che caratterizza molte località turistiche, in particolare le piccole isole e aree ambientali a rischio.

Il turismo dovrebbe assicurare un’evoluzione accettabile per quanto riguarda l’influenza delle attività sulle risorse naturali, sulla biodiversità e sulla capacità di assorbimento dell’impatto e dei residui prodotti.

Alla ricerca di una qualità globale, di equilibrio e sintonia con le esigenze del patrimonio ambientale storico e culturale.

Migliora la qualità della tua vita anche in vacanza, l’ambiente è il luogo che ci ospita, rispettiamolo!

 



Questo articolo è stato pubblicato in Sociale e taggato come , , il da
Una foto di Camilla Munno

Informazioni su Camilla Munno

Camilla, laureata in Pianificazione ambientale, territoriale ed urbanistica al Politecnico di Torino, eclettica ciclista metropolitana, amante del paesaggio, della fotografia, della filosofia, con una grande passione per la scrittura. Ha il desiderio di “rifondare” Torino, attraverso i temi della sostenibilità, della valorizzazione del territorio: per una città più pulita, intelligente ed innovativa. Cerca di diffondere uno stile di vita sostenibile, si occupa di architettura, sociale, ambiente e mobilità sostenibile.

| lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *