VENTO Bici Tour 2016 è in partenza!

Logo-VenToIl 27 luglio 2016 le quattro regioni del Po (Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto) hanno firmato un Protocollo d’intesa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

VENTO era ed è già nella Legge di Stabilità 2016 come una delle quattro “ciclovie di priorità nazionale” a favore delle quali è previsto un iniziale finanziamento di 91 milioni di euro.

TANTI i temi dell’edizione 2016 di VENTO Bici Tour: siti UNESCO, aree interne, fiumi, navigabilità, agricoltura, occupazione, parchi, letteratura, compensazioni ambientali e cibo.

Una delle novità dell’edizione 2016 è la collaborazione con Slow Food con cui, tappa per tappa, verranno raccolte le paste ripiene: tortelli, testaroli, tortellini e ravioli simboli del paesaggio della fertile della valle del Po.

Dal 17 al 25 settembre, si svolgerà, la quarta edizione di VENTO Bici Tour: 9 tappe e 24 eventi lungo i paesaggi del fiume Po per arrivare a Torino, al Salone del Gusto e a Terra Madre.

Ancora in bicicletta, ancora per dire che VENTO non è solo una ciclovia, ma è un altro modo di intendere il territorio e di immaginare per lui e i suoi abitanti un futuro possibile e sostenibile.

Il tour si svolgerà all’interno della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile (16-22 settembre), un occasione per promuovere e coniugare bicicletta e territorio e fare rete tra associazioni, amministrazioni ed università.

Quest’anno il tema del tour sarà RICUCIAMO LA BELLEZZA perché le tante tracce di bellezza lungo il Po attendono il nuovo filo narrativo di VENTO per tenerle assieme restituendole così alla fruizione e al godimento di tutti.

Sta a tutti noi rimettere assieme quei pezzi, fermare l’indifferenza e far ripartire a colpi di pedale un paesaggio che attende i nostri sguardi, le nostre soste, le nostre scoperte.

Assieme a tanti ospiti, si tornerà a pedalare con nuovi progetti, nuove idee e grandi novità, portate dalla nuova visione e nascita della Rete delle ciclovie turistiche nazionali.

Il nostro Paese ha scelto di dare credito a un diverso modello di sviluppo, firmando un protocollo tra Ministero delle infrastrutture, dei Beni Culturali, del Turismo e le 8 regioni attraversate dalle ciclabili di interesse prioritario, di cui VENTO fa parte grazie a tutti voi.

Scommettendo su una lunga ciclabile per rivitalizzare per dare una nuova vitalità a quelle aree interne che non è giusto subiscano l’offesa dell’abbandono, ma si mostrino a tutti noi e a chi viene da lontano ad ammirare il nostro Paese.

Le tappe del tour parleranno di bellezza attraverso i siti UNESCO, le paste ripiene (tortelli, ravioli, testacci, testaroli saranno protagonisti di un progetto con Slowfood), il riso, la navigazione, il sistema cicloturistico e Brezza, gli argini, le bonifiche e le irrigazioni, i parchi, il delta e i luoghi del dopo nucleare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *