Wizzo: l’idroscopino WC ecologico

sostenibile-com-wizzoL’igiene domestica è un tema sempre più rilevante e, se da un lato la consapevolezza dell’importanza di un ambiente salubre è ormai ampiamente diffusa, dall’altro, le attenzioni riservate ad uso consapevole dell’acqua e dei detergenti chimici impiegati per la pulizia della casa risultano ancora scarse.

Ottimizzazione delle risorse naturali e ricorso a soluzioni ecocompatibili e non inquinanti sono oggi due principi basilari per progetti di qualunque dimensione: da quelli urbanistici a quelli che, per l’appunto, riguardano l’organizzazione e l’arredo degli spazi abitativi.

È proprio nel solco di queste nuove esigenze che si colloca il lancio di un rivoluzionario accessorio per la casa che mira ad offrire sicurezza e risparmio: Wizzo, il nuovo sistema ad acqua compressa per la pulizia del WC dopo l’uso, che si sostituisce al tradizionale scopino per il bagno, proponendo un meccanismo di funzionamento del tutto inedito.

L’obiettivo dei creatori di Wizzo era quello di escogitare una soluzione semplice ma efficace per eliminare dal bagno lo scopino del WC, forse l’oggetto in assoluto meno igienico tra quelli presenti in casa, senza ricorrere a sistemi dispendiosi come l’idroscopino a muro.

Wizzo può essere considerato una sorta di idrogetto a mano: si tratta infatti di una piccola lancia che sfrutta un meccanismo automatico per caricarsi di acqua e produrre un getto intenso e preciso per la rimozione delle impurità che si formano dopo l’utilizzo del WC.

Per azionarlo occorre solo:

Afferrare il pomello e premerlo verso il basso (oppure sollevare Wizzo di qualche centimetro e poi lasciarlo cadere nella basetta);

Attendere che lo stantuffo abbia completato lo scorrimento verso l’alto;

Sfilare Wizzo dalla base e puntarlo verso l’interno del WC;

Premere lo stantuffo orientando il getto dove necessario.

I punti di forza di Wizzo: igiene ed ecologia

Grazie alla forza del getto d’acqua pressurizzata, Wizzo rimuove anche i residui più tenaci presenti sulle pareti interne del WC mentre il consueto flusso dello scarico porta via le impurità. Il getto pulente di Wizzo raggiunge anche le superfici sotto il livello dell’acqua senza generare alcuno schizzo.

Può sembrare un’innovazione di poco conto, invece questo semplice sistema da un lato rappresenta una garanzia di igiene, perché Wizzo non entra mai in contatto con i residui presenti nel WC e quindi non rischia di essere contaminato da virus e batteri, mentre dall’altro elimina una pratica diffusa e causa di un ingente spreco d’acqua, ovvero quella di azionare lo scarico più volte di seguito dopo l’uso.

In sostanza, Wizzo è semplice da utilizzare e, come lo scopino tradizionale, è economico e non presenta costi di installazione. Tuttavia, imitando il funzionamento dell’idroscopino a muro, Wizzo espleta la sua funzione senza in alcun modo rappresentare un pericolo per l’igiene domestica.

In più, va sottolineato che Wizzo non richiede l’impiego di alcun detergente chimico. La basetta, che fa anche da serbatoio, va riempita esclusivamente con un litro di acqua fredda, ogni 10-12 utilizzi.

L’acciaio inox e l’alluminio anodizzato rendono Wizzo resistente all’azione corrosiva dell’acqua, mentre l’assenza di contatto con lo sporco permette di dire addio alle routine di pulizia dello scopino con candeggina o altri prodotti aggressivi.

Gli ideatori di Wizzo hanno pensato di sfruttare il meccanismo di ricarica che aspira acqua all’interno dell’accessorio anche per un altro scopo: quello di profumare il bagno con un sistema 100% naturale.

I consueti deodoranti per ambienti, infatti, spesso contengono sostanze incluse nelle liste dei cosiddetti “inquinanti indoor”, cioè relative a quei composti che si annidano tra le mura domestiche, causando problemi di salute potenzialmente anche gravi.

Con Wizzo, invece, si può inserire un cordoncino in tessuto all’interno di un apposito scomparto, bagnandolo con qualche goccia di olio essenziale: ad ogni ricarica, il meccanismo a stantuffo diffonde l’aroma, profumando il bagno senza sprigionare composti dannosi.

Il design di Wizzo

Wizzo è il risultato di un lungo studio mirato a creare un oggetto solido, resistente e facile da maneggiare, ma allo stesso tempo caratterizzato da una foggia ricercata.

In effetti, il bagno rappresenta ormai una stanza in continuità con il resto della casa, della quale deve rispettare il gusto e lo stile di arredo, senza lasciare al caso la scelta di alcun elemento.

Nell’osservanza di queste esigenze, l’ideazione del design di Wizzo è stata affidata allo studio architettonico di David Musetti: il risultato è un accessorio dall’aspetto compatto e discreto, caratterizzato da forme geometriche ed essenziali, in linea con gli attuali concept minimal per l’arredo interni.

La linea proposta in occasione del lancio di Wizzo include 4 modelli caratterizzati da diverse combinazioni cromatiche della basetta. Tuttavia, a breve il catalogo si arricchirà di nuovi articoli che vedranno Wizzo declinato in soluzioni adatte a tutti gli stili di arredo.

Anche il packaging semplice ed accattivante di Wizzo mira a minimizzare l’impatto ecologico del prodotto: il semplice involucro esterno in cartone riporta anche in breve le caratteristiche dell’articolo e le istruzioni d’uso.

Lo slogan di Wizzo è “Igiene e Design”, ma noi ci sentiamo di aggiungere anche “Risparmio e Rispetto dell’ambiente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *