Archivi autore: giulia

Uno zainetto contro lo smog

 

Articolo di Stefano C.

 

Foto di Tortuga

 

25 volontari, uno zainetto sullo spalle e degli smartphones, insieme per monitorare la qualità dell’aria di Torino. Il progetto nato, per essere sperimentato in contemporanea a Torino, Anversa e Londra, durerà 4 mesi ed è stato presentato alla Smart City Exibition di Bologna.

Con questo strumento innovativo, alimentato a energia solare, a partire da Novembre i 25 volontari percorreranno la città di Torino e trasmetteranno attraverso gli smartphone i dati alla banca centrale per calcolare la concentrazione delle PM10 e degli altri inquinanti. Continua a leggere

Muffin integrali alla frutta

 

Articolo di Valeria, Vaniglia Zenzero e Cannella

 


Anche i dolci possono essere fatti in un’ottica di sostenibilità, se scegliamo con cura i nostri ingredienti, possiamo ottenere dolcetti buoni e sani sia per noi che per l’ambiente.

Il primo passo è evitare gli sprechi. Spesso i dolci da pasticceria sono molto ricchi in grassi e proteine animali, che oltre a non essere sempre indispensabili, non fanno bene a noi, e a volte a causa di processi industriali poco rispettosi degli animali, non fanno bene nemmeno agli animali.

Proprio per questo sempre più spesso provo ricette vegane, sorprendendomi ogni volta di quanto questi dolci dal sapore integrale e poco raffinato possano essere buoni e golosi.

Ho scelto dei muffin che ho fatto con purea di mela e pera per sostituire Continua a leggere

Che cos’è la sostenibilità? Sostenibile.com per Paratissima 2012

 

 

 

 

In occasione di Paratissima 2012 al MOI, il quartiere di San Salvario si apre di giorno: ventisette studi e atelier di creativi, artigiani, grafici e architetti aprono le loro porte e ospitano le opere di ben settantaquattro designer.

Una navetta gratuita collegherà San Salvario sia al MOI, sede di Paratissima, sia ad Operae, la mostra mercato sul design auto-prodotto che si svolge presso la Cavallerizza Reale. Inoltre, ci sarà la visita guidata Il design chez nous!, una passeggiata guidata dalla stazione alle strade del quartiere per incontrare i designer e i loro progetti, resa possibile dalla collaborazione con le guide turistiche Bogianen. E ancora, San Salvario Food Design che, grazie a Cartaelatte, porta il design sulla tavola di alcuni dei punti di ristoro del quartiere.

Tra le attività commerciali che hanno aderito a Paratissima 2012 ci sono anche alcune attività che fanno parte di Sostenibile.com. Qui di seguito trovate una piccola descrizione e i link per trovare maggiori informazioni. Continua a leggere

Paratissima… si rinnova!

 

Articolo di Marta Zanetta

 

Paratissima 5.2, Fantasmi Urbani – Roberto Cami

Foto di Marco Reggiani


Ormai manca poco all’inaugurazione di PARATISSIMA, la manifestazione made in Torino nata nel 2005 come evento off della grande fiera dell’arte contemporanea ARTISSIMA.

Quest’anno, dal 7 all’11 novembre, si celebra l’ottava edizione, e come ogni anno il gruppo PARA ha riservato non poche sorprese e novità… e ovviamente le polemiche non sono mancate.

“PARATISSIMA…C’EST MOI!” è il titolo dell’edizione 2012: un gioco di parole per dire che Paratissima è fatta per gli artisti ma soprattutto dagli artisti. Paratissima sono i creativi, i pittori, gli scultori, i designer, i fotografi e i videomaker che, con il loro contributo, permettono di realizzarla.

Paratissima non è solo esposizione d’arte, è anche un appuntamento che dà spazio alla musica, alle performance live e agli eventi speciali, una festa per pubblico ed artisti dove incontrarsi e condividere la propria creatività.
Quest’anno Paratissima trasloca: lascia, ma solo in parte, il quartiere San Salvario – che l’ha ospitata per bene tre edizioni – per approdare al MOI, che tutti i torinesi conoscono come area degli ex mercati generali, oggetto di un piano di recupero durante Torino 2006: qui, infatti, sorgeva il Villaggio Olimpico che ha ospitato migliaia di atleti, giornalisti e addetti ai Giochi Olimpici. Purtroppo, finita l’euforia per l’evento, questi immensi spazio sono stati completamente caduti nel dimenticatoio e del degrado.

Continua a leggere

A proposito di auto elettriche…

 

Articolo di Stefano C.

 

Fonte: Dreamstime

 

In un recente post, scrivevo di come si stia cercando di rilanciare l’utilizzo delle auto elettriche con un progetto sulla tratta autostradale Milano – Brescia. Una nostra lettrice ha scritto un interessante commento in cui sottolineava che sarebbe migliore, piuttosto che produrre nuove auto, sostituire il vecchio motore con uno elettrico. Incuriosito da questa idea, ho fatto una breve ricerca in internet e ho scoperto che è sì possibile farlo, ma a prezzi non proprio convenienti, e che a breve dovrebbe anche diventare legale. Continua a leggere

La scuola a colori

 

Articolo e foto di Chiara Paolillo

 

 

35 aule di scuola, 230 volontari, 3.500 metri quadrati di pareti colorate. Questi i numeri del progetto che l’associazione Manzoni People ha portato a compimento dopo tre anni di lavoro. Genitori, insegnanti e volontari hanno preso in mano pennelli, rulli e carta a vetro per rimettere a nuovo le aule dell’Istituto comprensivo Manzoni di San Salvario. “Dipingiamo la nostra scuola” è una protesta attiva che inizia nel 2009 e che coinvolge soggetti pubblici, privati e associazioni. Continua a leggere

Sostenibile a chi?

 

Articolo di Anna Paola Quaglia

 

Foto di Cecilia Postal

 

Barcamenarsi nel mondo di oggi e cogliere “nell’inferno, ciò che inferno non è” è capacità di pochi. La nostra percezione di parole, fenomeni, avvenimenti si vuole spesso nascondere dietro il velo della neutralità. Neutrale è una legge perché la legge è uguale per tutti. Neutrale è una parola o l’uso delle parole. Neutrali sono le immagini perché mostrano l’oggettività di un fatto. Neutrale è uno stato che non parteggia né per l’uno né per l’altro di due stati o di due gruppi di stati in guerra tra loro (poco importa se poi gestisce i conti in banca dei due contendenti). Neutrale può far rima con assenza di giudizio, per questo può esser percepito come giusto e equilibrato e quindi positivo.

Prendiamo ora la parola sostenibile, nome e anima di questo spazio. Bene. Chi non vuole essere sostenibile? Sostenibile è buono e giusto. Ma che cosa significa essere sostenibile? Continua a leggere

I semi della discordia

 

Articolo di Claudia Piazza

 

Foto di Alex Murphy

 

Da circa un mese sto frequentando un corso di sartoria per dare finalmente sfogo a un interesse che coltivo da tempo, quello di auto produrre i miei abiti! Da sempre ho guardato al mondo della moda pensando che un giorno avrei voluto farne parte come stilista. Con il tempo, però, ho iniziato a realizzare che le mie aspirazioni sono ben lontane da quell’universo effimero condito di apparenza, consumismo e sfruttamento.

Ora il punto è: cosa ha a che fare tutto questo con il cibo? Apparentemente nulla. Ma gli abiti sono fatti di tessuti, e i tessuti si ricavano dalle piante che vengono generate dai semi e qui ci si ricollega al discorso dell’articolo precedente sulla base della sopravvivenza. Continua a leggere

Recuperare la memoria per dipingere il futuro

 

Articolo di Isabella Laura La Rocca, Alessandra Benevelli e Carlotta Cillario

 

 

 

La progettazione partecipata* va di moda. Sentirne parlare è diventato noioso. Partecipare in modo partecipato ad un progetto di progettazione partecipata non lo è per niente.

Lo sanno bene un gruppo di studenti del Politecnico e dell’Università di Torino che, dopo aver partecipato e vinto il bando di concorso per la Progettualità studentesca, si sono dovuti cimentare nella vera e propria attuazione di quello che, su carta, avevano proposto.

L’obiettivo principale era quello di recuperare la memoria della Ex Manifattura Tabacchi, insediata nel Borgo Regio Parco alla fine del ‘700, rimasta attiva fino al 1996 e ad oggi importante esempio di archeologia industriale** a Torino.

La realtà interna e quella esterna alla fabbrica sono da sempre strettamente connesse: se da un lato la Manifattura è stata il principale stimolo alla crescita del quartiere, oggi il suo abbandono si ripercuote sulla vita della popolazione locale. Continua a leggere

Cambiare il mondo con occhi nuovi. Il Salone del Gusto e la visione sistemica

 

Articolo di Carolina Gomez

 

 

Dal 25 al 28 Ottobre 2012 Lingotto Fiere apre le sue porte alla nuova edizione del Salone del Gusto, l’imperdibile appuntamento con Slow Food, che quest’anno rafforza la collaborazione con Terra Madre. Slow Food e Terra Madre sono due delle associazioni impegnate sul fronte cibo e agricultura più prestigiose a livello mondiale.

Questa edizione del salone, aperto  per la prima volta al pubblico, ci avvicina alle criticità del mondo agricolo e all’importanza della qualità, dei prodotti locali e della tradizione. Ci insegna inoltre l’impatto ecologico, climatico, economico e sociale che genera la produzione di cibo: tra produttori, cuochi, laboratori del gusto, conferenze ed altre attività educative, ci insegna insomma che è possibile preservare il patrimonio culturale e ambientale legato alla gastronomia e rivitalizzare le micro-economie locali.

Però quello che molti non sanno è che dietro a questa manifestazione che espone la qualità e unicità dei prodotti Piemontesi, c’è una grandiosa innovazione, un’azione che cambia interamente il panorama delle fiere internazionali. Continua a leggere