Archivi categoria: Informazioni sostenibili

Climaera

Il progetto Climaera rientra nel programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Alcotra, sotto l’egida dell’Unione Europea su un periodo di tre anni (2017 -2020). Questo progetto ha molteplici obiettivi:

valutare la qualità dell’aria tra alcune regioni francesi (Provenza-Alpi-Costa Azzurra ed Auvergne-Rhône-Alpes) ed italiane (Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta), tenendo conto dei cambiamenti climatici;

elaborare delle indicazioni per diminuire i gas ad effetto serra e gli inquinanti, grazie agli scenari emissivi con orizzonte temporale 2030 e 2050 ed ad una lista ordinata di misure da tenere in considerazione.

Continua a leggere

Essere vegani (e non saperlo)

Sostenibile.com veganoArticolo di Paola Morgese

Anche voi, oltre a mangiare solo alimenti vegetali, evitate latte, uova e simili? Allora siete più che vegetariani: siete vegani, o quasi.

Il vegano (quando ho sentito per la prima volta questo termine mi ha dato l’idea di un essere, e di essere, extraterrestre) è una persona che per propria sensibilità o per motivi religiosi, oppure a beneficio della propria salute, per scelta o per gusto, non mangia carne, pesce e prodotti di derivazione animale, come appunto latte, formaggi, uova e simili.

Continua a leggere

Fare causa all’Europa si può?

Diverse famiglie che vedono le proprie vite messe a rischio dagli impatti dei cambiamenti climatici, dentro e fuori dall’Europa, si sono rivolte alla Corte di Giustizia europea contro il Parlamento e il Consiglio europei, per denunciare l’inadeguatezza del target di riduzione delle emissioni climalteranti al 2030.

Tra le famiglie ricorrenti anche quella italiana di Giorgio Elter, che nel corso di una conferenza stampa presso la sede di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, a cui sono intervenuti anche il vicepresidente nazionale di Legambiente Edoardo Zanchini, il presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta Fabio Dovana e Barbara Pozzo, professore ordinario Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria. L’azione legale della famiglia Elter è infatti sostenuta da Legambiente, che è membro di Climate Action Network Europe.

Le 10 famiglie che stanno facendo causa all’UE provengono da Germania, Portogallo, Romania, Francia, Italia, Svezia e da altri paesi non europei e ritengono che la riduzione delle emissioni nazionali di gas serra di un minimo del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030 sia inadeguato a far fronte alla concreta necessità di prevenire il rischio climatico e insufficiente a proteggere i loro diritti fondamentali di vita, salute, occupazione e proprietà.

Continua a leggere

Pulizie di Pasqua per dimagrire!

Sostenibile.com pulizie Pasqua* articolo di Sara Campolonghi

Forse penserete che le ben note e temute pulizie di Pasqua possano aiutare a dimagrire perché ci fanno muovere di più… e mettere ordine a fondo la casa è sicuramente un modo utile per mantenersi attivi e in forma senza andare in palestra e vivere in un ambiente più confortevole, quindi ben venga.

Ma non è solo questo! Un recente studio scientifico infatti suggerisce che uno dei motivi alla base della continua voglia di mangiare qualcosa (anche se non si ha davvero fame) possa essere una cucina sporca e disordinata. Questo studio pone l’attenzione sull’importanza dell’ambiente e di quanto gli stimoli esterni possano influenzare le nostre scelte alimentari in modo inconsapevole, specialmente in fatto di cibo.

Continua a leggere

Dagli addobbi al cenone per un Natale a basso impatto

Sostenibile.com_Natale a basso impattoAnche quest’anno ci siamo, parliamo del Natale, quel periodo dove per tradizione, credenza o credo religioso siamo tutti portati a essere più buoni, fare lunghe passeggiate nel freddo alla ricerca del regalo giusto e ci scambiamo migliaia di auguri tra di noi.

Non vogliamo entrare nel merito del perché si vedono figure di Babbo Natale arrampicarsi sui balconi con sacchi di vari dimensioni o del perché cerchiamo di essere più comprensivi, buoni e simpatici solo in questo periodo dell’anno, ma vogliamo provare a darvi qualche consiglio su come attrezzarvi per provare ad abbassare la vostra impronta ecologica essendo questo il periodo con il più alto tasso di “consumo” dell’anno. Continua a leggere

Il paniere dei prodotti del Gac

Sostenibile.com il paniere del GacArticolo di Gaia Matteucci

Oltre al funzionamento logistico, una delle attività più impegnative nel momento di attivare un progetto di gruppo d’acquisto, è la selezione della lista di produttori da cui rifornirsi. Mentre nei Gas tale scelta viene presa in modo orizzontale e partecipato tra tutti gli iscritti, nel progetto “Collettivo è Meglio” l’attore principale nella selezione dei produttori è il Movimento Consumatori.

Continua a leggere

Mediare i conflitti ambientali

Le questioni ambientali sono sempre più frequenti e complesse, ci riguardano e spesso la loro ampiezza e il loro grado di reversibilità possono generare casi giudiziari molto intricati. Nell’immaginario collettivo si associa il conflitto ambientale a situazioni catastrofiche, come ad esempio il disastro nucleare di Fukushima, oppure la vicenda della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. In realtà, la conflittualità ambientale è molto più vasta e pervasiva, e può riguardare la decisione di costruire un’opera pubblica, avere carattere prevalentemente sociale, oppure ruotare attorno a problemi ecologici di portata (apparentemente) minore, come la bonifica di un piccolo appezzamento. Il fenomeno della conflittualità ambientale ha quindi dimensioni, caratteristiche, conseguenze e parti coinvolte molto diverse e questa disomogeneità rende particolarmente complessa la loro gestione.

Negli ultimi decenni sono nate iniziative di diverso tipo per trovare soluzioni efficaci a questo genere di situazioni; tra queste, la mediazione ambientale. Per colmare la mancanza di questo strumento in Italia, la Camera Arbitrale di Milano, già ampiamente riconosciuta ed operativa nel campo della risoluzione alternativa delle controversie, è stata la prima ad offrire servizi di mediazione ambientale per mezzo di un progetto iniziato nel novembre 2015. L’obiettivo è quello di ampliare il campo d’azione della mediazione civile e commerciale a quello ambientale, in modo da poter soddisfare una necessità sia delle aziende che dei cittadini e degli enti pubblici.

Continua a leggere

Sunrisebike Ride

Dopo il grande successo delle prime tappe del tour 2017 che ha visto la presenza complessiva di oltre 3000 partecipanti, ASD Ciclistaurbano.com conferma l’appuntamento del progetto SUNRISEBIKE RIDE a Torino!

La data ufficiale è domenica 10 settembre 2017 con partenza al sorgere del sole (ritrovo ore 5.30, partenza ore 6.00 puntuali) da Piazza San Carlo.

SUNRISEBIKE RIDE è una pedalata non competitiva con partenza all’alba lungo un facile percorso della durata di circa un’ora, che valorizzerà la bellezza della città, transitando davanti alla maggior parte dei luoghi di interesse storico e culturale, ad un orario magico, per poterne cogliere ogni sfumatura. Un evento per tutte le generazioni, per i genitori che accompagnano i figli, per i bambini che coinvolgono gli adulti.

Continua a leggere

Il terzo valico

Costosi, impattanti e inutili. Da sempre la posizione di Legambiente e delle associazioni ambientaliste sui cantieri del Terzo Valico dei Giovi è chiara: le risorse destinate al collegamento tra il porto di Genova e l’entroterra padano, annoverato tra le opere “strategiche” sulla base di previsioni di incremento del traffico portuale che negli anni sono state smentite nei fatti, andrebbero destinate ad ammodernare le linee ferroviarie esistenti e alla messa in sicurezza idrogeologica del territorio.

E’ a partire da questa convinzione che l’associazione ambientalista del cigno verde, insieme a Pro Natura Piemonte, il Comitato Alessandria No Amianto dal Terzo Valico e L’Altra Campomorone, ha presentato alla Corte dei Conti un esposto per “consentire la verifica dell’eventuale sussistenza di responsabilità connesse alla violazione di disposizioni di legge che disciplinano la corretta gestione delle risorse pubbliche”.

Le associazioni segnalano all’organo di controllo che il Terzo Valico dovrebbe servire a trasportare i container ad alta velocità, ma che non è mai stata presentata un’analisi costi-benefici pubblica (vi è solo un documento redatto dal General Contractor) né è stata mai indetta una gara d’appalto, al contrario di quanto previsto dalla normativa europea.

Continua a leggere

#Salvailsuolo

Sostenibile.com #SalvailsuoloL’ultimo di una lunga serie è il via libera alla realizzazione a partire dalla primavera 2018 di un centro commerciale a Caselle realizzato da Aedes: un’area di 300 mila metri quadri compromessa da 120 mila metri quadri di cemento. Ma è di poche settimane fa la notizia che una cordata di imprenditori russi ha stretto un accordo con gli enti locali per realizzare un avveniristico outlet del vino tra le colline di Barolo e Monforte d’Alba da cui -si legge nel progetto- “sarà possibile acquistare e degustare i migliori vini piemontesi apprezzando la qualità eccezionale del paesaggio vitivinicolo langarolo da una posizione privilegiata”.

A farne le spese saranno però proprio 20 ettari di vigne langarole che cederanno il passo a 180 mila metri quadri di nuovo cemento e acciaio a firma dell’archistar Vyacheslav Golubev. Altri 100 mila metri quadri di suolo saranno inoltre sottratti all’uso agricolo per l’apertura dal prossimo autunno a Vercelli del nuovo centro di distribuzione di Amazon. Così come, poco distante, nel Comune di Trino Vercellese, in mezzo alle risaie, si parla della possibile realizzazione di un nuovo autodromo da 2 milioni di metri quadrati.

Continua a leggere