Archivi tag: Fiab

Bimbi in bici

Sostenibile.com bimbimbici“Insieme per una città più sicura e più bella” questo è lo slogan semplice e incisivo di Bimbimbici che quest’anno festeggia la l’edizione numero 15. La manifestazione è di carattere nazionale, ed è ideata e promossa da FIAB la Federazione Italiana Amici della Bicicletta e patrocinata, tra gli altri, da Ministero dell’Ambiente, CONI, Confindustria-ANCMA e Euromobility, coinvolge ogni anno, a maggio con il suo appuntamento fisso, migliaia di bambini, ragazzi e famiglie con una festosa pedalata per le vie delle città aderenti.

Continua a leggere

Le città più a misura di bici

Sostenibile.com problemaQuali sono le città più a misura di bici? Bolzano, Schio e Venezia, secondo i dati divulgati in occasione del secondo “giretto d’Italia”, organizzato dalle amministrazioni comunali insieme a Legambiente, Fiab e città in bici in 23 comuni italiani.

 

Il monitoraggio è stato effettuato il 9 maggio scorso, un normale giorno lavorativo. Da questo è emerso che nella città di Bolzano ben 7 persone su 10 hanno usato la bicicletta per andare al lavoro o a scuola, varcando i check-point allestiti per l’occasione in vari punti dei comuni interessati all’iniziativa.

I comuni monitorati sono stati suddivisi in 3 categorie: grandi (oltre 200.000 abitanti), medi (tra 80 e 200.000 abitanti) e piccoli (meno di 80.000). Il conteggio, effettuato nell’arco delle quattro ore stabilite, ha permesso di assegnare il ruolo di leader delle tre diverse categorie al centro urbano con la percentuale più alta di utilizzo della bicicletta rispetto al mezzo a motore.

Nelle 4 ore monitorate, nelle 23 città, sono passati attraverso i varchi oltre 30mila ciclisti e sono molti i comuni che hanno incrementato notevolmente la ciclo mobilità.

Un segnale molto importante per tutti gli amministratori che hanno il compito di ridisegnare la mobilità urbana e che possono, favorendo l’uso delle bicicletta, liberare le nostre città da ingorghi e inquinamento.

E’ evidente che le medie e piccole città si prestano molto di più ad alcune operazioni di limitazione del traffico ma la volontà politica di chi amministra è determinante”.

L’articolo completo lo trovate a questo link