Archivi tag: fotovoltaico

Possiamo fare a meno del petrolio? E del gas “naturale”?

Articolo di Umberto Novarese – Fondazione Telios

centrale_termoelettrica

Spesso ci si dimentica che non è tanto il grado di inquinamento a creare l’effetto-serra e il conseguente riscaldamento globale, quanto la combustione: ossia bruciare petrolio, gas “naturale” (cioè metano), carbone e altri combustibili.

La CO2, anidride carbonica, che si sviluppa dalle combustioni, crea quella specie di spessa pellicola che al di sopra delle nubi fa da vetro-serra al globo terrestre, con tutto ciò che ne consegue. Conclusione: un’auto che va a gasolio, benzina, metano, gas di petrolio liquefatto (gpl), inquina in modo decrescente, sì, ma emette CO2 in proporzione alla cilindrata, comunque.

Continua a leggere

Gli italiani e il solare

Sostenibile.com fotovoltaicoCome si pongono gli italiani di fronte all’energia solare? Questa e altre domande sono state messe in evidenza durante – Città Sostenibile – il convegno della Fondazione UniVerde: “Verso il XIII rapporto ‘Gli italiani e il solare’: le nuove prospettive del mercato”.

Dal rapporto è emerso che la grande maggioranza degli Italiani (circa l’84%) vuole l’indipendenza energetica e vuole prodursi energia soprattutto dal sole. Gli italiani considerano il solare compatibile con l’ambiente e il 70% del campione ha già preso in considerazione la possibilità di utilizzarlo.

Continua a leggere

La corsa a ostacoli delle fonti di energia rinnovabili

Sostenibile.com energie rinnovabili in Italia

 

Articolo di Umberto Novarese Fondazione Telios

Abbiamo scritto in un precedente articolo un paio di obiezioni rivolte al fotovoltaico: ciclo di vita dei pannelli e impatto visivo dei campi fotovoltaici a terra.

Altre obiezioni diffuse sono: si fa un favore all’industria straniera; è solo una grande speculazione; cosa succede al silicio e al resto dei pannelli a fine vita (problema del riciclo); si sottrae terreno all’agricoltura.

Partiamo dal primo punto: “Si fa un favore all’industria straniera? Tedesca ieri, cinese oggi: si? No?”

Nel caso del fotovoltaico, al momento del decollo, anche gli imprenditori italiani furono tentati dall’investire in questo settore emergente.

Continua a leggere

La Puglia va a “tutto sole”

Sostenibile.com impianto fotovoltaicoSecondo un’elaborazione del centro studi di confartigianato imprese della Puglia, la regione si attesta prima tra le regioni italiane per potenza installata nel fotovoltaico. Risultato ottenuto sicuramente grazie ad adeguate politiche regionali e dalla presenza di diverse aziende del territorio. Tra le province quella di Bari fa segnare il risultato migliore.

Confartigianato in particolare evidenzia che i pannelli installati in Puglia, in totale, producono 3.491,2 giga watt (erano 2.095,8 nel 2011).

Continua a leggere

Cuba sperimenta le energie rinnovabili con 14.000 pannelli fotovoltaici

sostenibile.com eolico a CubaLe energie rinnovabili, per fortuna, non conoscono confini. Cuba ha iniziato un programma per liberarsi, almeno in parte, dall’energia prodotta dai combustibili fossili. Per ottenere questo risultato ha iniziato l’installazione di un parco fotovoltaico dotato di 14.000 pannelli nella provincia di Cienfuegos a 250 Km circa dalla capitale l’Avana.

Il paese sotto embargo Usa da decine di anni, ha deciso di “sfruttare” una delle sue risorse naturali che l’hanno resa famosa al mondo.

Continua a leggere

Power clouds, l’impianto fotovoltaico partecipato

Sostenibile.com power cloudsPower clouds è una giovane compagnia che da a tutti la possibilità di diventare produttori di energia pulita, a impatto zero per il pianeta, in modo da combattere i cambiamenti climatici e salvaguardare il diritto alla vita delle generazioni future.

Il loro obiettivo, grazie al contributo di migliaia di persone nel mondo, è quello di costruire un grande impianto fotovoltaico alla volta, dove i pannelli installati sono di proprietà dei cittadini che vi hanno partecipato e sono loro a godere dei ritorni economici che ne derivano. Dopo qualche anno di utilizzo l’investimento produce degli utili che vanno ai cittadini che hanno sottoscritto le quote.

Continua a leggere

Fotovoltaico, il percorso verso l’eco-sostenibilità

Sostenibile.com riciclo pannelli Lo studio e l’utilizzo di fonti di energia sostenibili è un procedimento in corso ormai da tempo. Esempi di energia alternativa, prodotta da fonti rinnovabili possono essere il geotermico, l’eolico, l’idroelettrico o il solare.

Tuttavia per poter sostenere che il fotovoltaico sia davvero una fonte di energia sostenibile dobbiamo focalizzarci sulla corretta gestione del fine vita degli impianti fotovoltaici. I pannelli fotovoltaici, non possedendo parti meccaniche in movimento, non sono soggetti ad usura e quindi hanno una durata pressoché illimitata nel tempo. Tuttavia, anche in considerazione del fatto che gli elementi di cui si compone un impianto fotovoltaico sono sottoposti a intemperie e al naturale degrado, si determina la durata media di un impianto in 25-30 anni.

Continua a leggere

Fotovoltaico nella riserva della Vauda, la Provincia dice no

fotovoltUn secco no al mega impianto fotovoltaico a ridosso della riserva naturale della Vauda. Questo il parere definitivo della Provincia di Torino, cui spetta la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) su progetti regionali e nazionali, sull’ipotesi sponsorizzata dal Ministero della Difesa di destinare circa 70 ettari di terreno libero alla produzione di energia rinnovabile. Continua a leggere

Smart Energy System

 

 

Produrre energia a ciclo continuo e scollegarsi dalla rete elettrica. Succede a Monsano, in provincia di Ancona, dove è stata realizzata una casa completamente scollegata dalla rete elettrica e dalla rete per la fornitura di gas.

Probabilmente siamo ancora lontani dal vedere l’impianto installato nelle case di tutti. La casa è alimentata da un impianto fotovoltaico e da un minieolico ed è dotata di un sistema di immagazzinamento dell’energia prodotto in eccesso durante il giorno e non utilizzata. Il sistema che gestisce l’energia è  denominato SES e consente di controllare e gestire i flussi di energia prodotta.

Il sistema si compone di un impianto fotovoltaico e eolico, come detto, e di un impianto dotato di pompa di calore per sostituire la caldaia, l’eventuale energia in eccesso può essere venduta alla rete elettrica nazionale rilasciandola nelle ore in cui la produzione è più bassa, in caso di necessità.

L’articolo completo lo trovate qui