Archivi tag: Tutela

Mediare i conflitti ambientali

Le questioni ambientali sono sempre più frequenti e complesse, ci riguardano e spesso la loro ampiezza e il loro grado di reversibilità possono generare casi giudiziari molto intricati. Nell’immaginario collettivo si associa il conflitto ambientale a situazioni catastrofiche, come ad esempio il disastro nucleare di Fukushima, oppure la vicenda della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. In realtà, la conflittualità ambientale è molto più vasta e pervasiva, e può riguardare la decisione di costruire un’opera pubblica, avere carattere prevalentemente sociale, oppure ruotare attorno a problemi ecologici di portata (apparentemente) minore, come la bonifica di un piccolo appezzamento. Il fenomeno della conflittualità ambientale ha quindi dimensioni, caratteristiche, conseguenze e parti coinvolte molto diverse e questa disomogeneità rende particolarmente complessa la loro gestione.

Negli ultimi decenni sono nate iniziative di diverso tipo per trovare soluzioni efficaci a questo genere di situazioni; tra queste, la mediazione ambientale. Per colmare la mancanza di questo strumento in Italia, la Camera Arbitrale di Milano, già ampiamente riconosciuta ed operativa nel campo della risoluzione alternativa delle controversie, è stata la prima ad offrire servizi di mediazione ambientale per mezzo di un progetto iniziato nel novembre 2015. L’obiettivo è quello di ampliare il campo d’azione della mediazione civile e commerciale a quello ambientale, in modo da poter soddisfare una necessità sia delle aziende che dei cittadini e degli enti pubblici.

Continua a leggere

Pubblicato un anno fa il “Manifesto della sostenibilità nei progetti”

Sostenibile.com-manifesto-della-sostenibilitàArticolo di Paola Morgese

Esattamente un anno fa, l’8 Marzo del 2016, abbiamo pubblicato il “Manifesto della sostenibilità nei progetti”.

Nacque dalla collaborazione di un piccolo gruppo di esperti di varie nazioni, che sentirono l’esigenza di chiarire alcuni valori e principi fondamentali in questo settore.

È un invito ad ampliare il punto di vista sui benefici dei progetti e sui loro destinatari. Esorta a considerare gli effetti dei progetti nel lungo termine e non solo nell’immediato. Sottolinea l’importanza di considerare, oltre ai tre classici parametri di progetto (qualità, tempi e costi),  anche i parametri economici, ambientali e sociali della sostenibilità. Sostiene che il valore di un progetto è diverso dal valore del denaro. Offre un punto di vista differente sulla valutazione del successo di un progetto.

Ad un anno di distanza sono stati compiuti molti progressi, impensabili fino a poco tempo fa, nel campo della sostenibilità nei progetti. Una testimonianza viene dal numero sempre crescente di pubblicazioni, di lavori e di ricerche in questo ambito ad opera di professionisti ed esperti, sia nei progetti, sia nella sostenibilità, sia in entrambi i settori.

Continua a leggere

La giornata mondiale dell’acqua

Sostenibile.com_ambienteIl Lions Club Seregno AID si propone, nell’ambito degli obiettivi condivisi dal Lions Club International, di diffondere la cultura della cooperazione internazionale basata su specifiche competenze e assoluta professionalità, promuovendo l’accesso alle risorse economiche messe a disposizione da finanziatori pubblici e privati.

In questa cornice è presentato il concorso fotografico “World Water Day ” in cooperazione con Un Water (agenzia Onu per le politiche sull’acqua) che vuole mettere al centro dell’attenzione le risorse idriche del pianeta attraverso il coinvolgente linguaggio delle immagini.

L’acqua, principio di vita, ristora il viandante e ispira il poeta, scava solchi nella roccia e sussurra musica in primavera, ma scatena anche terrore e distruzione, paura e morte. La fotografia è strumento formidabile che sa fondere realtà e sogno, svelare segreti e opportunità, denunciare negligenze e pericoli.

Continua a leggere

Ricostruire bene dopo i disastri è possibile

Sostenibile.com ricostruire dopo i disastriArticolo di Paola Morgese

Con tutti i disastri naturali ed antropici che abbiamo in Italia, dovremmo essere diventati abili e veloci nel ricostruire. Invece non è così.

Dopo un’alluvione, un terremoto, una frana, un’eruzione vulcanica, un’esondazione, un incendio ed altre simili calamità di grosse proporzioni restano le ferite sul territorio e sulle persone.

Passate le fasi di emergenza e di primo soccorso, al massimo dopo quattro o sei mesi, dovrebbero essere stati stanziati i finanziamenti e dovrebbero essere state avviate le attività di ricostruzione, d’intesa con le popolazioni locali.

Continua a leggere

Obiettivo terra

sostenibile-com-obiettivo-terraÈ stata lanciata, in occasione dell’incontro: “DALL’ONU ALL’UNESCO, Le eccellenze d’Italia dalla natura al cibo”, l’ottava edizione del concorso di fotografia geografico – ambientale “Obiettivo Terra” in collaborazione con la Società Geografica Italiana.

Il contest, diventato un appuntamento fisso per celebrare la Giornata Mondiale della Terra, indetta dall’ONU nel 1970 e celebrata ogni 22 aprile, intende sostenere i Parchi Nazionali e Regionali italiani nel faticoso compito di difesa, valorizzazione e promozione del patrimonio ambientale, del paesaggio, delle peculiarità e delle tradizioni enogastronomiche, agricole, artigianali, storico-culturali e sociali; vuole anche permettere la diffusione di un modello di turismo ecosostenibile e responsabile e lo sviluppo dell’economia circolare e di tutte le attività delle zone di collina e di montagna che concorrono al contrasto del dissesto del territorio.

Continua a leggere

10 anni dalla missione ambientale

sostenibile-com-tutela-mareInaugurata la mostra: “Bahar: una missione ambientale – Pace e solidarietà per la difesa del Mediterraneo a 10 anni dalla missione in Libano”, realizzata dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con la Società Geografica Italiana, il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e in partnership con il Consorzio Castalia.

Ad intervenire Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde; l’Ammiraglio Ilarione Dell’Anna, Vice Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera; Filippo Bencardino, Presidente della Società Geografica Italiana, l’On. Serena Pellegrino, Vice Presidente della Commissione Ambiente della Camera e Lorenzo Barone, Direttore del Consorzio Castalia.

Continua a leggere

Tutti sott’acqua

sostenibile-com-fiumi-in-pienaSono bastati pochi giorni di pioggia e l’Italia è di nuovo ripiombata nell’incubo alluvione. “Una situazione critica dovuta da un lato ai fenomeni meteorologici persistenti ma soprattutto agli sforzi ancora inadeguati sul fronte della prevenzione del rischio idrogeologico –dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta-.

“I primi responsabili della sicurezza dei nostri territori sono i Sindaci che purtroppo nella maggior parte dei casi sono inadempienti sia in termini di azioni per la prevenzione del rischio sia nella gestione delle emergenze. I Comuni hanno un ruolo determinante nelle scelte sulla pianificazione urbanistica, negli interventi di delocalizzazione di abitazioni e di altri fabbricati dalle aree a rischio, nell’adeguamento alle norme di salvaguardia dettate dalla pianificazione di bacino e la corretta manutenzione del territorio.

Continua a leggere

Piantiamo alberi

sostenibile-com-piantiamo-gli-alberiSono tante, nonostante la pioggia, le iniziative in corso in tutto il Piemonte per la Festa dell’Albero 2016: centinaia di nuovi alberi stanno trovando dimora grazie al lavoro dei volontari di Legambiente in zone degradate, parchi cittadini e cortili scolastici. Molti degli appuntamenti sono l’occasione per condividere e approfondire i contenuti della petizione #salvailsuolo, la campagna di raccolta firme promossa dai cittadini europei per chiedere all’Unione una direttiva contro il consumo di territorio. Il consumo di suolo, oltre a sottrarre aree agricole che vengono destinate a usi urbani, infrastrutture, cave e discariche, di certo non risparmia i suoli forestali che risultano di anno in anno gravemente manomessi.

Dall’analisi del Centro Ricerca sui Consumi di Suolo, sviluppata sui database cartografici europei che misurano le variazioni di uso del suolo nei Paesi dell’Unione Europea, emerge che ogni anno in Italia vengono ricoperti dal cemento almeno 500 ettari di aree forestali. Mentre, dalle analisi dell’ISPRA effettuate in Italia con ulteriori strumenti d’indagine, considerando sia le grandi trasformazioni urbane che gli sventramenti dovuti a nuove infrastrutture, negli ultimi anni la distruzione di foreste ha proceduto al ritmo di oltre 2000 ettari all’anno.

Continua a leggere

Io non rischio

sostenibile-com-io-non-rischioPer il sesto anno consecutivo il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si sono impegnati insieme in una campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Durante il weekend del 15 e 16 ottobre 7.000 volontari e volontarie di protezione civile hanno allestito punti informativi “Io non rischio” in circa 700 piazze distribuite su tutto il territorio nazionale per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.

A poco meno di due mesi dal sisma che ha colpito il Centro Italia il mondo del volontariato, che insieme al Servizio Nazionale della Protezione Civile è in prima linea nella gestione dell’emergenza, si farà portavoce delle buone pratiche di prevenzione dei rischi.

Continua a leggere

Stop al consumo di suolo

sostenibile-com-consumo-di-suolo“Senza un suolo sano e vivo non c’è futuro e tutelarlo con norme efficaci è il primo modo di proteggere uomini, piante, animali”. E’ questo il messaggio che ha riunito oggi Legambiente, diversi amministratori ed esperti nel corso dell’incontro “Terra, fonte di vita. Buone pratiche per la salvaguardia del territorio” svoltosi a Torino presso lo Spazio19 Coworking di via Cesare Balbo. All’incontro hanno preso parte il presidente regionale di Legambiente Fabio Dovana, l’urbanista e membro del consiglio di presidenza di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta Flavia Bianchi, la docente dell’Università di Torino nonché vicepresidente della Società italiana di pedologia Eleonora Bonifacio, il coordinatore della campagna People4Soil Tiziano Cattaneo, l’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte Giorgio Ferrero, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Torino Guido Montanari e i sindaci di Lauriano (To) Matilde Casa e di Rivalta (To) Mauro Marinari. Erano inoltre presenti giovani pianificatori, rappresentanti degli Ordini, Fai, Pro Natura, Italia Nostra, Salviamo il Paesaggio, Coldiretti, Cia, Ance, Inu, Unione Culturale, Ipla.

Continua a leggere