Indovina chi viene a cena?

Articolo di Cristina Coppo

rete_cultura_popolare

Indovina chi viene a cena” ricorda a tutti il titolo del celebre film degli anni Sessanta, in cui veniva affrontato il tema dei matrimoni misti. Oggi, invece, è il nome di un’originale iniziativa in cui le famiglie migranti aprono le loro case per ospitare a cena chi voglia condividere una serata di convivialità.

Organizzato dalla Rete Italiana di Cultura Popolare, “Indovina chi viene a cena…?” coinvolge famiglie di varie comunità, dalla Romania al Messico, creando occasioni di incontro e socializzazione. Il progetto – ci spiegano gli organizzatori – nasce da un percorso di collaborazione con associazioni legate a culture non italiane. La volontà era di arrivare a creare un’iniziativa che non avesse intermediari e a organizzare momenti in cui le persone si potessero incontrare direttamente. Con la disponibilità ad accogliere ospiti nelle case private, è nata un’esperienza efficace e diretta che coinvolge un buon numero di famiglie, di ognuna delle quali la Rete Italiana di Cultura Popolare ha una conoscenza approfondita.

Un nuovo ciclo di appuntamenti, il terzo a Torino, ha preso il via lo scorso sabato 26 ottobre coinvolgendo anche Roma, Grosseto, Prato e Alessandria. Le cene verranno replicate mensilmente, coinvolgendo famiglie che provengono, per citare solo alcuni Paesi, da Argentina, Cina, Perù e Pakistan. Sono aperte a tutti: segnalando la presenza di bambini piccoli o di particolari abitudini alimentari, infatti, si viene indirizzati verso la famiglia che meglio può accogliere le esigenze specifiche.

L’iniziativa riscuote interesse e apprezzamento da parte dei partecipanti, che attraverso il passaparola diventano il principale strumento di promozione di un’esperienza in cui il cibo diventa strumento di relazione. Sedersi alla stessa tavola favorisce la conoscenza tra persone che abitano lo stesso territorio portando con sé culture e vissuti diversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *