Archivi tag: Gas serra

In Cammino per il Clima

La Coalizione italiana per il Clima aderisce con convinzione a In Cammino per il Clima, la marcia di 1500 km da Roma a Katowice (Polonia) per raccogliere le preoccupazioni e gli impegni dei cittadini sul cambiamento climatico, in vista della conferenza dell’ONU COP24 di Dicembre 2018.

La Coalizione nata nel 2015 per organizzare anche in Italia la marcia globale per il clima alla vigilia della Conferenza di Parigi, a cui aderiscono oltre 200 organizzazioni nazionali e territoriali che operano per la difesa dell’ambiente, la transizione giusta, nuove politiche energetiche e di trasformazione dell’economia e della società, per uno sviluppo sostenibile umano, accompagnerà i pellegrini nel loro cammino verso Katowice.

La marcia partirà da Piazza San Pietro in Roma il 4 Ottobre alle ore 10.00.

Continua a leggere

La creazione di futuro sostenibile deve iniziare ora

Sostenibile.com green economyAl giorno d’oggi, le persone sono troppo spesso costrette a scegliere tra fare ciò che è moralmente giusto e fare ciò che è economicamente vantaggioso. In effetti, tra loro le opzioni a volte sembrano escludersi a vicenda, rendendo la decisione di quale strada intraprendere eccessivamente impegnativo.

A volte, tuttavia, la rettitudine morale e interesse economico si fondono, presentando un’opportunità che non deve perdere.

L’imperativo morale è indiscutibile, gli effetti dei cambiamenti climatici – tra eventi meteorologici estremi, sbalzi di temperatura, e l’aumento del livello del mare – si fanno sempre più sentire acutamente tra i più poveri a livello globale. Inoltre il cambiamento climatico potrebbe accelerare la povertà e la disuguaglianza, il che significa che, a meno che non cambiamo rotta  in modo tempestivo, diminuirà – o addirittura sarà impossibile la possibilità per le generazioni future di raggiungere i loro obiettivi di sviluppo. Fare ogni sforzo per ridurre al minimo i cambiamenti climatici oggi è, molto semplicemente, la cosa giusta da fare.

Continua a leggere

Crescita ed energia

OLYMPUS DIGITAL CAMERALa buona notizia è arrivata di venerdì, il 13 marzo per la precisione. Un’ agenzia intergovernativa indipendente la (IEA), agenzia internazionale dell’energia, che si occupa principalmente di analisi e statistiche sul consumo energetico globale, ha dichiarato che nel 2014 l’economia mondiale è cresciuta, ma nonostante questo l’anidride carbonica a livello globale non è aumentata.

Infatti, secondo l’agenzia, il 2014 è stato il primo anno a partire dagli ultimi 40, nel quale si è registrato uno stop o una riduzione delle emissioni dei gas serra non collegato a una regressione economica.

Continua a leggere

L’Olanda strizza l’occhio alla sostenibilità

Sostenibile.com OlandaAmsterdam e Rotterdam hanno ottenuto rispettivamente il 4° e il 5° posto in uno studio globale sulle città più sostenibili. Questo secondo il Duuzame Steden Index (l’indice per le città sostenibili ) che è stato recentemente pubblicato da ARCADIS.

La città più sostenibile è Francoforte, seguita da Londra e Copenaghen rispettivamente al 2° e al 3° posto. Ci sono ben 7 città europee nella top 10 dello studio presentato. La prima città italiana è Roma, classificata al 24 posto. Secondo ARCADIS, la sostenibilità è importante perché le città che operano bene in questo campo hanno una elevata qualità della vita, di prosperità ed emettono una minore quantità di gas serra.

Continua a leggere

Kellogg risponde all’appello di Oxfam

Sostenibile.com scopri il marchioDopo General Mills, Kellogg è oggi il secondo gigante dell’industria alimentare a prendersi l’impegno di tagliare le emissioni dei gas serra nelle proprie filiere produttive. La risposta arriva dopo l’incredibile pressione esercitata dagli  che hanno firmato la petizione lanciata da Oxfam nell’ambito della campagna Scopri il marchio.

Continua a leggere

Cambiamenti climatici una minaccia per la sicurezza alimentare

Sostenibile.com cambiamenti e ciboI cambiamenti climatici sono una realtà con cui fare i conti fin da subito, per la sicurezza alimentare di miliardi di persone. Questo è il messaggio che è stato “lanciato” dagli esperti dell’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change), nella seconda parte del Quinto Rapporto che è stato pubblicato a Yokohama e che servirà da base ai prossimi negoziati sul clima.

In un mondo dove oggi si contano ben un miliardo di persone che soffrono la fame, i cambiamenti climatici sono già ora la causa di mancanza di cibo per milioni di famiglie. E’ essenziale quindi fin da subito una decisa inversione di rotta e questa non può avvenire senza un’azione urgente su adattamento e riduzione delle emissioni di gas serra.

Continua a leggere