Archivi tag: sostenibilità sociale

UNITED DOLORS OF BENETTON

Articolo di Marco Appiotti

“Il subvertising ha molte sfaccettature ma si caratterizza come una forma di interazione avanzata con i messaggi pubblicitari che popolano lo spazio urbano metropolitano. Superando il limite dello spettatore passivo, analizzando il messaggio pubblicitario tenta di metabolizzarlo per poi cortocircuitarlo, riutilizzarlo mettendone in luce oltre alle F2caratteristiche peculiari del modello comunicativo alcune delle contraddizioni che viviamo ogni giorno, sia come consumatori di merci che come spettatori della più grande e prolifica industria della comunicazione: la pubblicità. Lavorando sia sul piano dell’impatto visivo che di quello della formazione di senso, con metafore mutuate dal classico schema pubblicitario, chi si occupa di subvertising si trova ad interagire con il media pubblicitario in maniera simile a quella dei professionisti del settore, muovendo però dalla necessità di reagire alle onde che si infrangono contro i propri sensi.” Continua a leggere

Con quella faccia un po’ così…

 

Articolo di Chiara Paolillo

 

Foto di Raffaele Bellacicco

 

Non sono preoccupati per quello che mangeranno e se mangeranno. Sorridono, ma non sono allegri. E chi lo sarebbe? Sono ottanta in cinque stanze e un bagno solo. Ma sono ragazzi e questo viene prima di tutto. La loro gioia di vivere è ostaggio della burocrazia italiana ormai da tempo. Ma nonostante anni di attese e speranze infrante è col sorriso che accolgono chi entra in quella che è la loro “casa”.

Sono i ragazzi somali di Corso Chieri. I rifugiati politici che da un paio d’anni vivono nell’ex palazzina dei vigili ai piedi della collina torinese. Quelli che dal 2009 erano stati semi-reclusi nella ex caserma di via Asti  e poi “accompagnati” con un pullman della Gtt nella loro attuale “dimora”. Continua a leggere