Hasankeyf: la città sotterranea cancellata dal progresso

Sostenibile.com HasankeyfArticolo di Camilla Munno

Hasankeyf, è un sito storico archeologico situato nel Kurdistan turco sulla nota Via della Seta, sulle rive del Tigri, una città sotterranea dalla storia millenaria di un valore storico-architettonico inestimabile, che purtroppo però nel 2015 vedrà la sua triste fine.

Il governo turco ha infatti predisposto ed iniziato i lavori per la realizzazione della imponente diga di Ilisu, nonostante le continue minacce e tensioni col partito separatista curdo.

L’opera prevedrà un bacino di 400 Km2, il trasferimento d migliaia di persone e la sommersione e cancellazione di più di 300 città, villaggi e siti archeologici tra cui la magica Hasankeyf .

Un paesaggio del passato, la vita e le tradizioni di un popolo spazzate via in nome del progresso e di un futuro favoloso all’insegna del turismo subacqueo; questo non basta però come giustificazione per rivoluzionare la vita di queste persone cresciute qui ed affezionate ad un certo stile di vita semplice e frugale, tra il Tigri e l’Eufrate.

Nonostante le proteste di abitanti ed Unesco, il progetto continua, ma l’Università di Barman non si arrende proseguendo la sua ricerche con nuovi scavi archeologici: sono stati esplorati 38 siti diversi e riscoperti 144 reperti ancora sconosciuti.

Una terra di tesori e ricchezza, il minareto di El Rizk risalente al 1400 con le inscrizioni dei 99 nomi di Allah; le rovine della kale poco più lontano, una cittadella creatasi dall’erosione del Tigri, con accesso vietato da qualche mese dal governo turco.

L’acqua è il tesoro di questa zona, che ha già invaso e cambiato la vita nella città di Abramo, Urfa, con la creazione della diga di Ataturk, ma sarà anche la rovina di storia, usi e costumi millenari di un territorio che ha affrontato e superato di diecimila anni di sfide.

Speriamo non rimanga solo un ricordo di Hasankeyf, il luogo della memoria di decine dominazioni dagli ittiti agli ottomani, un patrimonio storico inestimabile che sta per essere cancellato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *